1700, secolo dell’Illuminismo e del Barocco. Tra i rampolli dell’aristocrazia europea si diffonde l’abitudine di lanciarsi in avventurosi viaggi alla ricerca di sé e del mondo, che in Italia e in particolare a Napoli avevano il loro approdo. Veniva chiamata “Grand Tour” l’esperienza di arricchimento personale di artisti, intellettuali, giovani monsieur e dame socialmente emancipate.

Borgo Santa Lucia, luccicante salotto e straordinaria miniera naturale, entrò ben presto tra le tappe del turismo d’élite mitteleuropeo. È da questo affascinante e rocambolesco viaggio che il bed&breakfast “Grand Tour” di via Santa Lucia 76 prende il nome. Omaggio a Napoli, alla sua storia, alle tradizioni e ai suoi volti.